Discussione:
Lampade UV-A, T5 o T8 e ballast elettronici per bromografo
(troppo vecchio per rispondere)
motociclante
2006-08-16 15:18:22 UTC
Permalink
Salve a tutti.

Inizialmente chiedo scusa per la "vaghezza/vastità" dell'oggetto del
topic ma non riesco a venirne a capo, purtroppo, da solo.

Il mio obiettivo è costruire un bromografo utilizzando delle lampade
neon UVA da 8W ed accenderle con un reattore elettronico (credo
definibile ballast).

Dunque, la storia è la seguente: cercando in giro su internet per un
progetto per un bromografo ho inziato a trovare citazioni sui reattori
elettronici. Ho capito che sono più economici (non per l'acquisto ma
come consumi elettrici) e che danno una vita maggiore alle lampade.

Inevitabilmente, credo, la mia ricerca ha incrociato il mondo degli
acquari dove si parla molto di ballast (o reattori elettronici), alcuni
dimmerabili (funzione a me non necessaria).

Da qui ho trovato topic per "modificare/manomettere" i ballast
contenuti all'interno delle lampadine fluorescenti a basso consumo.

Sempre in questo enorme bailam leggo continui riferimenti a lampade di
tipo T5 piuttosto che T8.

Le mie domande sono le seguenti:

1) Cosa sono i tubi T5 piuttosto che T8?
2) Se ho un tubo da 8W, quale deve essere la potenza del reattore
(elettronico o meno) che debbo impiegare?

In pratica vorrei recuperare questi ballast da le lampadine
elettroniche ma non vorrei che la potenza erogata fosse troppa per i
tubi al neon da 8W, né so se sia possibile utilizzare, ad esempio, un
ballast da 22W per alimentare 2 neon da 8W in serie (sempre che 2 neon
possano essere messi in serie...ma credo di si).

Se avete informazioni in merito da darmi ve ne sarei grado.
Soprattutto se il processo che sto per sperimentare fosse pericoloso
FATEMELO PRESENTE!!!!

Grazie mille e scusate la lungagine del topic.
Natale Novello
2006-08-16 15:28:13 UTC
Permalink
Post by motociclante
Grazie mille e scusate la lungagine del topic.
Ascolta ma perché rompersi la testa quando comprare i tubi per il
bromografo con il reattore ed il ballast adatto non é che sia
un enorme spesa ! ;-)
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Adam
2006-08-16 18:53:10 UTC
Permalink
On Wed, 16 Aug 2006 15:28:13 +0000 (UTC), "Natale Novello"
Post by Natale Novello
Post by motociclante
Grazie mille e scusate la lungagine del topic.
Ascolta ma perché rompersi la testa quando comprare i tubi per il
bromografo con il reattore ed il ballast adatto non é che sia
un enorme spesa ! ;-)
Natale
Quoto in pieno!!!
Mi sono fatto il bromografo con quattro tubi di Wood da 8 watt
(comperati per sbaglio...), quatrro reattori e altrettanti starter.
Il tutto elegantemente infilato in un vecchio scanner della HP
(preventivamente svuotato, s'intende!...). Se non fosse stato per
l'errore dei tubi (15 cucuzze l'uno...) il resto è veramente una
miseria. Il tutto funziona regolarmente ormai da mesi.

Ciao

Adam
a***@nospam-inwind.it
2006-08-17 00:10:40 UTC
Permalink
Post by motociclante
1) Cosa sono i tubi T5 piuttosto che T8?
T5 sono tubi più nuovi dei T8 come tecnologia, hanno diametro di 16 mm e
un'intensità luminosa superficiale superiore. Sono più difficili da
accendere. Esistono anche i T2 con diametro di 7 mm, più luminosi e più
difficili da accendere. Più cala il diametro più aumenta l'efficienza.

T8 sono tubi da 26 mm di diametro.

Le due famiglie di tubi hanno basi differenti in cui innestarli perché
hanno passi differenti i loro contatti. Per i T8 si trovano facilmente.
Per i T5 se non si trovano ci si può arrangiare con dei mammouth.

la tecnologia è più nuova per i tubi più sottili perché a parità di
concentrazione di impurità nel gas contenuto in un volume più piccolo,
queste contano di più. In particolare le impurità sono le componenti
dell'aria. Ci vuole un vuoto più spinto per i tubi più sottili e non era
possibile ottenerlo tempo fa.
paperino
2006-08-17 05:08:02 UTC
Permalink
"motociclante" <***@gmail.com> ha scritto nel messaggio news:***@i3g2000cwc.googlegroups.com...
Salve a tutti.

Le mie domande sono le seguenti:

1) Cosa sono i tubi T5 piuttosto che T8?

quì ti rimando alla esaustiva risposta di andreafrigo

2) Se ho un tubo da 8W, quale deve essere la potenza del reattore
(elettronico o meno) che debbo impiegare?

naturalmente da 8W solitamente il reattore (meccanico)
riporterà una scritta simile 7/9/11W
reattori elettronici per dette lampade hanno invece
1 modello per ogni potenza
guarda quì
http://www.elcotronic.it/ballast.htm
noterai che per i tubi lineari non vengono riportatate
le potenze sotto i 13W (sono potenze che si usano raramente)
ma quelli per le lampade a U vanno benissimo lo stesso
tra le altre cose è una ditta economica e i prodotti sono affidabili

In pratica vorrei recuperare questi ballast da le lampadine
elettroniche ma non vorrei che la potenza erogata fosse troppa per i
tubi al neon da 8W,

un reattore elettronico per lampade da 9W va benissimo
già uno da 12W molto meno
parlavi di preferire gli elettronici ai meccanici
ma per il tuo utilizzo anche i meccanici vanno benissimo

né so se sia possibile utilizzare, ad esempio, un
ballast da 22W per alimentare 2 neon da 8W in serie (sempre che 2 neon
possano essere messi in serie...ma credo di si).

con il reattore meccanico (16/18W) massimo 2 tubi in serie con relativi
starter (sempre nati per detto collegamento) nei migliori
negozi di materiale elettrico
i rettori elettronici non prevedono un collegamento
in serie, debbono essere nati per accendere due tubi

Se avete informazioni in merito da darmi ve ne sarei grado.
Soprattutto se il processo che sto per sperimentare fosse pericoloso
FATEMELO PRESENTE!!!!

pericoloso non mi pare ammesso di fare attenzione al fatto
che si tratta della tensione di rete a 230V
comunque come detto da natale e adam forse stai complicando la cosa
senza motivo, se propio vuoi usare i reattori elettronici
comunque in un buon negozio di materiale elettrico trovi tutto
quello che ti occorre
ciao paperino
[mAnNaRo]
2006-08-17 09:06:35 UTC
Permalink
Post by motociclante
Salve a tutti.
Inizialmente chiedo scusa per la "vaghezza/vastità" dell'oggetto del
topic ma non riesco a venirne a capo, purtroppo, da solo.
Il mio obiettivo è costruire un bromografo utilizzando delle lampade
neon UVA da 8W ed accenderle con un reattore elettronico (credo
definibile ballast).
Grazie mille e scusate la lungagine del topic.
miiiiiii che traggedia :) guarda che in pratica stai costruendo un
banale lampadario al neon... tranne per il fatto che usi tubi UVA ;)))
perciò non usarlo per illuminarti eh!

Ale
motociclante
2006-08-17 09:36:08 UTC
Permalink
Ooooooooooooohhhhhhhhhhhhhh, finalmente la luce.

Grazie a tutti per spiegazioni, chiarimenti, suggerimenti e sana
ironia.

In realtà ero convinto che a furia di leggere le varie ricette
incrociate tra bromografi e lampade per acquari, mi stessi infognando
orribilmente.

Considerando che il vantaggio più evidente in termini pratici nell'uso
di un reattore elettronico in luovo di uno meccanico è quello del
risparmio.
Dato che il bromografo non credo resterà acceso per ore...il meccanico
andrà benissimo e per questo componente ci sono già molte spiegazioni
in giro.

Un grazie particolare a andrea e paperino per aver enucleato e risposto
a tutti miei quesiti.

Ora passerò al reperimento dei componenti (ma dite che le UVA le trovo
in normali negozi di elettricità...mi sa di si), al montaggio e alla
pratica.

Leggevo sempre in giro che molti di voi adottano lo "stira e ammira"
che credo di aver precedentemente incontrato sotto il nome di "Press
and Peel". Io vorrei usare il Positiv in quanto mi è parso di capire
che perdo dettaglio usando i Press and Peel...e poi mi sa che costino
un po'...

Grazie e ri-grazie ancora.
Posterò questa e altre informazioni sul mio sito non appena avrò
finito il mio bromografo.

Davide.
Natale Novello
2006-08-17 09:51:18 UTC
Permalink
Post by motociclante
Ora passerò al reperimento dei componenti (ma dite che le UVA le trovo
in normali negozi di elettricità...mi sa di si
STAI ATTENTO ! La Osram fa dei tubi UVA belli grossi, a vederli
sono innocentissimi tubi leggermente colore rosella, poi leggi
gli avvertimenti e....basta una piccola esposizione alla luce di
questi tubi per avere il distacco della retina !
Io ho usato questi mostri nei circuiti di condizionamento per
uccidere i funghi responsabili di una malattia mortale
(non ricordo il nome)in pratica i circuiti di condizionamento sono
degli ottimi terreni di coltura per batteri spore e schifezze varie
Il mio sistema si accendeva la sera 1/2 ora prima dello spegnimento del
circuito di condizionamento (andava tutta la notte)e si spegneva
1/2 ora dopo l'avvio del circuito di condizionamento. I tubi erano
inseriti nel circuito di condizionamento che erano dei condotti
metallici quasi ermetici.
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
motociclante
2006-08-17 10:01:33 UTC
Permalink
Post by Natale Novello
STAI ATTENTO ! La Osram fa dei tubi UVA belli grossi, a vederli
sono innocentissimi tubi leggermente colore rosella, poi leggi
gli avvertimenti e....basta una piccola esposizione alla luce di
questi tubi per avere il distacco della retina !
Ok, Natale, grazie. Inizialmente pensavo di comprarli da FuturaShop ma
li ha temporaneamente esauriti.

Per adesso aspetto che a Roma riapra qualche negozio di elettronica.
Per me è fondamentale che siano di quelli lunghi una trentina di
centimetri. Ho visto le varie implementazioni fatte all'interno di
scanner guasti ma credo che realizzerò un case in legno a parte.
Vorrei farlo stile "slot-in", in pratica la scatola è chiusa e senza
coperchio; i tubi giacciono all'interno e non è possibile guardarli
nemmeno volendo. Sul lato lungo praticherò uno scasso con delle guide
su cui scorrerà una coppia di vetri appaiati dentro alla quale verrà
inserita la basetta con i lucidi.

Grazie ancora. :D

Davide.
Natale Novello
2006-08-17 10:03:42 UTC
Permalink
"motociclante" <***@gmail.com> wrote in message
Sul lato lungo praticherò uno scasso con delle guide
Post by motociclante
su cui scorrerà una coppia di vetri appaiati dentro alla quale verrà
inserita la basetta con i lucidi.
Bel sistema ! :-)Tipo forno in questo modo puoi fare anche le piadine !
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
a***@nospam-inwind.it
2006-08-18 00:39:53 UTC
Permalink
Post by Natale Novello
STAI ATTENTO ! La Osram fa dei tubi UVA belli grossi, a vederli
sono innocentissimi tubi leggermente colore rosella, poi leggi
gli avvertimenti e....basta una piccola esposizione alla luce di
questi tubi per avere il distacco della retina !
Magari sono UVC e spenti sono trasparenti? Dalla descrizione d'uso che
ne fai sembrano proprio quelli.
[mAnNaRo]
2006-08-17 10:04:02 UTC
Permalink
Post by motociclante
Ooooooooooooohhhhhhhhhhhhhh, finalmente la luce.
Grazie a tutti per spiegazioni, chiarimenti, suggerimenti e sana
ironia.
ma che ironia :) era una precisazione "professionale" la mia! per
sfatare il mito del bromografo come misterioso oggetto da guardare e
non toccare :)
Post by motociclante
Ora passerò al reperimento dei componenti (ma dite che le UVA le trovo
in normali negozi di elettricità...mi sa di si), al montaggio e alla
pratica.
bah... io dopo aver girato qualche negozio tra cui anche la "grande" e
grossa GDT quì a MI mi sono arreso e li ho ordinati su web.
Post by motociclante
Leggevo sempre in giro che molti di voi adottano lo "stira e ammira"
che credo di aver precedentemente incontrato sotto il nome di "Press
and Peel". Io vorrei usare il Positiv in quanto mi è parso di capire
che perdo dettaglio usando i Press and Peel...e poi mi sa che costino
un po'..
risultati non perfetti quanto quelli di un bromografo, inoltre il
procedimento richiede più tempo, attenzione e cura durante lo
svolgimento... con un bromografo... stampi... appiccichi sulla basetta,
"sbatti" il tutto su bromografo accendi, spegni sviluppo positivo di
2min (scaldando la soluzione) e poi vai di cloruro (come per il press &
peel).
Post by motociclante
Davide.
Ale
motociclante
2006-08-17 10:23:40 UTC
Permalink
....è per questo ch l'ho definita "sana" ;-)

Ok, ora mi organizzo. Per le piadine credo che dovrò inserire anche un
riscaldatore... ;-)

Anche io pensavo che il bromografo fosse una sorta di scatola
infernale; da qualche giorno le cose sono molto cambiate.

Stavo facendo una ricerca per il resto dei componenti mancanti.

1) Ho trovato su questo sito i seguenti articoli. C'è una convenienza
fin troppo lampante o mi sfugge qualcosa?

SITO: http://www.cevec.it/shop/cat169.htm

articoli:

- Spray Photoresit 100ml. Positiv-20 - Eur 10,14
- Spray Photoresit 200ml. Positiv-20 - Eur 12,60


2) Per il bagno corrosivo della lastrina devo usare dell'acido. Ho
trovato questi tipi e pensavo di scegliere l'opzione in grani per
motivi di sicurezza...avendo una bimba in casa...

SITO: http://www.cevec.it/shop/cat167.htm

articoli:

- Percloruro ferrico per l'incisione di circuiti stampati,
in bottiglia da 1 Litro - Eur 5,89
- Percloruro ferrico per l'incisione di circuiti stampati,
In grani da miscelare con 1 litro di acqua - Eur 4,99


Approfitto andando quasi OT ma vedo che siete molto più esperti di me,
ergo...

P.S.
Già grazie,

Davide.
Natale Novello
2006-08-17 10:59:46 UTC
Permalink
Post by motociclante
l'opzione in grani per
motivi di sicurezza...avendo una bimba in casa...
AHIA !
Dipende dall'età della frugoletta infernale !In tutti i casi
prevedi un armadio a DOPPIA MANDATA dove gli elementi chimici (se in
bottiglia) siano assicurati sulle pareti in modo che se la suddetta
demonciella urta l'armadio o lo percuote niente si possa riversare.
Se ha un età accettabile magari puo' accedere al tuo antro malefico
e diventare un apprendista stregone magari cominciando a mettere lei
(sempre sotto il vigile sguardo del mago merlino)il CS da
fare nel fornetto
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Adam
2006-08-17 11:21:43 UTC
Permalink
On 17 Aug 2006 03:23:40 -0700, "motociclante" <***@gmail.com>
wrote:

[cut...]
Post by motociclante
1) Ho trovato su questo sito i seguenti articoli. C'è una convenienza
fin troppo lampante o mi sfugge qualcosa?
SITO: http://www.cevec.it/shop/cat169.htm
- Spray Photoresit 100ml. Positiv-20 - Eur 10,14
- Spray Photoresit 200ml. Positiv-20 - Eur 12,60
Ariciao Davide. A parte il gusto del fai date, ma ti conviene
preparati anche le piastre con il fotoresist?
Io adopero piastre presensibilizzate che reperisco qui a Milano da
Franchi e Scarpa e non mi hanno mai tradito (ne avrò consumate una
quarantina e più). La misura che adopero in genere è 100 x 160 ed il
costo si aggira sui 3 Euro e spiccioli. La pellicola protettiva è di
color grigio, esternamente. Lo strato di fotoresist è uniforme. Senza
righe o grumi, come mi è capitato con altre piastre (pellicola
protettiva nera), acquistate in un negozio blasonato.
Non ne parliamo poi di quelle che si vendono nelle fiere!!!
Una vera schifezza!
Di 10 non sono riuscito ad utilizzare nemmeno una (difetti nello
strato di fotoresist).
Tempo di esposizione con doppio master in acetato: 80 secondi.
Tempo di sviluppo: variabile da 30 a 50 secondi in soluzione acqua
distillata-soda caustica in scaglie in proporzione di 7 grammi di
quest'ultima per litro d'acqua.
Tempo di corrosione: da 8 a 15 minuti in cloruro ferrico a 45 gradi.

Ciao e buon divertimento

Adam
motociclante
2006-08-17 12:00:02 UTC
Permalink
quote:
###########################################################
Ariciao Davide. A parte il gusto del fai date, ma ti conviene
preparati anche le piastre con il fotoresist?
Io adopero piastre presensibilizzate che reperisco qui a Milano da
Franchi e Scarpa e non mi hanno mai tradito (ne avrò consumate una
quarantina e più). La misura che adopero in genere è 100 x 160 ed il
costo si aggira sui 3 Euro e spiccioli. La pellicola protettiva è di
color grigio, esternamente. Lo strato di fotoresist è uniforme. Senza
righe o grumi, come mi è capitato con altre piastre (pellicola
protettiva nera), acquistate in un negozio blasonato.
Non ne parliamo poi di quelle che si vendono nelle fiere!!!
Una vera schifezza!
Di 10 non sono riuscito ad utilizzare nemmeno una (difetti nello
strato di fotoresist).
Tempo di esposizione con doppio master in acetato: 80 secondi.
Tempo di sviluppo: variabile da 30 a 50 secondi in soluzione acqua
distillata-soda caustica in scaglie in proporzione di 7 grammi di
quest'ultima per litro d'acqua.
Tempo di corrosione: da 8 a 15 minuti in cloruro ferrico a 45 gradi.

Ciao e buon divertimento

Adam

##########################################################

si..dunque...avete ragione. se non vi spiego per bene vi induco per
forza in errore.

Io non sono un elettronico, o meglio, la cosa mi appassiona ma non
produco (fino ad ora), circuiti stampati.

Faccio modellismo e le fotoincisioni sono una componente del mio hobby.
Immaginate che i freni a disco vengono realizzati incidendo una
lastrina di ottone, rame o alpacca.
Dico questo perché, le lastrine di cui mi stai parlando, credo, siano
dotate di basetta in vetronite che per le mie applicazioni...è
inutile, ahi me.
Ecco perché devo usare il Positiv. Io compro le lastrine e devo
sensibilizzarle.
In Germania c'è una ditta che vende lastrine di vario materiale e
varie misure (superficie e spessore), già sensibilizzate. Il problema
è il costo, non basso.

Grazie mille.

Davide.

P.S.
Il primo circuito stampato potrebbe essere quello per il temporizzatore
per il bromografo da implementare in seguito.
Adam
2006-08-17 13:59:27 UTC
Permalink
On 17 Aug 2006 05:00:02 -0700, "motociclante" <***@gmail.com>
wrote:

[cut...]
Post by motociclante
si..dunque...avete ragione. se non vi spiego per bene vi induco per
forza in errore.
Io non sono un elettronico, o meglio, la cosa mi appassiona ma non
produco (fino ad ora), circuiti stampati.
Faccio modellismo e le fotoincisioni sono una componente del mio hobby.
Immaginate che i freni a disco vengono realizzati incidendo una
lastrina di ottone, rame o alpacca.
Aaaah... mbè! Allora il discorso cambia. Ma rimane
estremamente...simpatico!

Beh!... Allora buona fortuna comunque e...facci sapere qualcosa dopo
le prime relizzazioni (anche se sarebbe un po...OT).

Ciao.

Adam

--
Io sono capace di cose cattive e di cose buone,
ma nelle cose cattive io sono il migliore.
(Michel Coluche)

73s de IK2SBB - Adamo
Natale Novello
2006-08-17 14:11:23 UTC
Permalink
Post by motociclante
Faccio modellismo e le fotoincisioni sono una componente del mio hobby.
Immaginate che i freni a disco vengono realizzati incidendo una
lastrina di ottone, rame o alpacca.
Qui' si impone una cnc !
www.cncitalia.net ;-)
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
motociclante
2006-08-18 06:50:19 UTC
Permalink
Natale "mi turbasti"

ho provveduto immediatamente alle operazioni di rito ;-)

quasi, quasi ti mando un'email, prima o poi.

Grazie ancora a tutti.
Post by Natale Novello
Post by motociclante
Faccio modellismo e le fotoincisioni sono una componente del mio hobby.
Immaginate che i freni a disco vengono realizzati incidendo una
lastrina di ottone, rame o alpacca.
Qui' si impone una cnc !
www.cncitalia.net ;-)
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Natale Novello
2006-08-18 07:13:40 UTC
Permalink
Post by motociclante
Natale "mi turbasti"
Complotto ci fu :-)
Post by motociclante
ho provveduto immediatamente alle operazioni di rito ;-)
Ti ho visto e ti ho mandato un pm
Adesso c...tua a leggere tutti i thread meccano elettronici ti ci
vorrà un anno ! ;-)
Natale
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
mineblu
2006-08-18 12:25:01 UTC
Permalink
salve a tutti ho letto sopra che non si possono metteredue neon in
serie su un reatore elettronico(quelli da lampaddina) io ho appena
provato con u reattore da 11watt un neon da 8w e uno da 6 w in serie e
si accendono, il tutto per 10 minuti, poi ho staccato perche mi sono
rotto!!!!
L'unico diffeto che i neo prima si accendono non propio al massimo per
2 secondi e poi vanno a luminosita,invecie con un solo neon si accende
quasi di booto,
E che il voltaggio ai capi dei due filamenti prima era di 1.2v ora e
all' esterno di 2.6 e al 'interno di 0.25.
E oviamente quello da 8w fa meno luce anche se ai suoi capi ci sono 40v
rispetto ai 30 di quello da 6w. Il neon da 8 da solo fa 42v.
INDI SECCONDO ME E SECONDO I MIEI NEON E IL MIO REAATORE ELETTRONICO SE
PO FA!!! :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) .) :)
paperino
2006-08-19 11:45:23 UTC
Permalink
Post by mineblu
salve a tutti ho letto sopra che non si possono metteredue neon in
serie su un reatore elettronico(quelli da lampaddina) io ho appena
provato con u reattore da 11watt un neon da 8w e uno da 6 w in serie e
si accendono, il tutto per 10 minuti, poi ho staccato perche mi sono
rotto!!!!
L'unico diffeto che i neo prima si accendono non propio al massimo per
2 secondi e poi vanno a luminosita,invecie con un solo neon si accende
quasi di booto,
E che il voltaggio ai capi dei due filamenti prima era di 1.2v ora e
all' esterno di 2.6 e al 'interno di 0.25.
E oviamente quello da 8w fa meno luce anche se ai suoi capi ci sono 40v
rispetto ai 30 di quello da 6w. Il neon da 8 da solo fa 42v.
INDI SECCONDO ME E SECONDO I MIEI NEON E IL MIO REAATORE ELETTRONICO SE
PO FA!!! :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) .) :)
io opterei per due tubi identici mi pare più giusto
poi..........
ciao paperino
mineblu
2006-08-19 20:30:50 UTC
Permalink
Post by paperino
io opterei per due tubi identici mi pare più giusto
poi..........
ciao paperino
si ne ho usati due diversi solo perche non ne avevo due da 6w.
poi intendo metere due wood da 6w

Continua a leggere su narkive:
Loading...